IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  GruppiGruppi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Esegesi biblica "su misura"?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Il dimissionario
Admin


Messaggi : 141
Data d'iscrizione : 07.03.08

MessaggioOggetto: Esegesi biblica "su misura"?   Sab Apr 20, 2013 11:08 am

Tempo fa, avendo una discussione con un TdG in merito alla pratica della scomunica (da loro chiamata "disassociazione"), quando feci osservare al TdG che la Scrittura di 1 Corinti cap. 5 si riferisce, con l'espressione di "non mangiare", non all'evitare totalmente il peccatore ma al non permettergli di partecipare al pasto eucaristico, egli mi rispose che questa esegesi era "su misura" allo scopo di giustificare gli ex-TdG di poter fare quello che volevano senza tener conto delle Scritture.
Questi sono i TdG: gente talmente convinta delle proprie dottrine che invece di aprire la mente ad altre possibilità, si arrocca sulle proprie posizioni arrivando ad attribuire motivi errati ai propri interlocutori.
Se un interlocutore non accetta la loro visione e la contesta, invece di ragionare che forse i loro insegnamenti non sono così giusti come ritengono, arrivano a negare le sue argomentazioni con attacchi ad personam ed attribuendogli motivi errati.

In realtà invece il considerare il comando di Paolo di "non mangiare" con il peccatore un riferimento all'evitare che facesse la comunione cristiana è un'interpretazione data da diversi esegeti che notano come la lettera ai Corinti possegga come tema principale, in tutti i suoi capitoli, l'argomento del "pasto serale del Signore". E giacchè in tante altre espressioni Paolo fa riferimento al "mangiare" come espressione riferita all'eucarestia è logico concludere che anche nel capitolo 5 si stia riferendo alla stessa cosa.

A quanto pare quindi non si tratta di esegesi "su misura" ma bensì di esegesi accurata che tiene conto del contesto.

Il TdG invece vuol dare a credere che solo loro seguono pedissequamente le Scritture e che tutti gli altri invece fanno diversamente da loro perchè non vogliano ascoltarLe.

Dimostrerò adesso come la WTS sia la prima a infischiarsene della Bibbia quando fa comodo alla sua causa.

Apriamo il libro di 2 Tessalonicesi 3:5-12 e leggiamo accuratamente:

6 Fratelli, vi ordiniamo nel nome del nostro Signore Gesù Cristo che vi ritiriate da ogni fratello che si comporta disordinatamente e non secondo l'insegnamento che avete ricevuto da noi. 7 Infatti voi stessi sapete come ci dovete imitare: perché non ci siamo comportati disordinatamente tra di voi; 8 né abbiamo mangiato gratuitamente il pane di nessuno, ma con fatica e con pena abbiamo lavorato notte e giorno per non essere di peso a nessuno di voi. 9 Non che non ne avessimo il diritto, ma abbiamo voluto darvi noi stessi come esempio, perché ci imitaste. 10 Infatti, quando eravamo con voi, vi comandavamo questo: che se qualcuno non vuole lavorare, neppure deve mangiare. 11 Difatti sentiamo che alcuni tra di voi si comportano disordinatamente, non lavorando affatto, ma affaccendandosi in cose futili. 12 Ordiniamo a quei tali e li esortiamo, nel Signore Gesù Cristo, a mangiare il proprio pane, lavorando tranquillamente.

Questa scrittura è chiara nell'indicare che ogni cristiano deve avere un lavoro su cui basarsi senza appoggiarsi agli altri fratelli cristiani. Paolo scrive: "Se qualcuno non vuole lavorare, neppure deve mangiare"; inoltre si prende come esempio per aver sempre lavorato e non essere stato di peso per gli altri.
Ora, noi sappiamo che i membri del Corpo Direttivo, sorveglianti viaggianti, missionari speciali, ecc, dedicano tutto il loro tempo solo per le attività religiose ricevendo un compenso da parte della WTS senza avere un lavoro secolare!
Non stanno violando le esplicite parole di Paolo, ispirate da Dio, decisamente chiare al riguardo?

Che fine fa quindi la santità della Bibbia e l'ispirazione della stessa quando ciò che dice cozza contro l'agire della WTS stessa?
in casi come questo i TdG ragionano "i tempi sono cambiati", "non siamo più nel primo secolo", e simili, gli stessi ragionamenti che loro accusano gli altri di fare su altre scritture.

Come mai su 1 Corinti sono così osservanti alla lettera di ogni singola sillaba (anche se poi come sappiamo non danno un'esegesi corretta al brano in questione) mentre per 2 Tessalonicesi fanno finta di niente?

Questa è la dimostrazione che la WTS segue solo ciò che la fa più comodo (è lei quella che fa "esegesi su misura"): siccome 1 Corinti è utile per imporsi come istituzione sui singoli TdG, allora viene seguita; siccome invece seguire 2 Tessalonicesi significherebbe trovarsi un lavoro secolare senza vivere come "lavoro" il cristianesimo, ecco che allora fanno finta di niente.

La WTS è quindi ipocrita e doppia! E' falso che solo lei segue la Bibbia mentre gli altri non lo fanno. E' invece vero che lei è la prima a far finta di niente riguardo la Bibbia là dove le è più conveniente.

Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
 
Esegesi biblica "su misura"?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» cerco materiale sulle unità di misura, il peso, scuola primaria
» unità di misura diversa tra carico e scarico
» Cracker fibrextra misura
» MISURA Pasta Fibrextra integrale
» Tipi di Preservativi - profilattico

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Sezione dottrinale :: Dottrina Testimoni di Geova-
Andare verso: